home > > > STIATICO, QUESTA SCONOSCIUTA
Argomenti
Arte Musica Spettacolo
E-commerce
NewEconomy
TOURS
STORIA
NEWS
Istituzioni
Sport
Attività
No Profit
Offerte Lavoro
COSTUME
MERCATINO
I nostri autori
Inserzionisti
Vai al Sito del
Comune di San Giorgio di Piano


Leggi la
Storia di S.Giorgio


Vita vissuta
nella bassa bolognese


Dona il 5x1000 e
un progetto cresce


Annunci Immobiliari
di vendita e affitto


Prima di comprare
Confronta i prezzi
STIATICO, QUESTA SCONOSCIUTA
di Alleanza Nazionale  17/11/2003


Carissimi concittadini della Frazione di Stiatico, questo articolo è dedicato a Voi che - di fatto - siete la frazione più prolifica e in espansione fra le tre del nostro Comune ...

Lo scorso anno, avevamo lamentato a questa Amministrazione ulivista, che non condividevamo le scelte e la spesa per partecipare al progetto intercomunale "Pronto Bus". Avete presente, quei pulmini che li puoi prenotare telefonicamente e loro ti vengono a recuperare (più o meno) alle attuali fermate del bus, appena completano il giro che stanno in quel momento facendo. Insomma, l’idea doveva essere quella di una specie di taxi pubblico, ma al costo dell’autobus tradizionale.

Noi, già 2 anni orsono,contestammo innanzitutto che vedevamo spessissimo questi mezzi vuoti o semi vuoti. Gli autisti ai capolinea alle prese con profonde letture o piccoli riposini. Colpa della complicata organizzazione del servizio stesso, che di fatto solca e solcherà ancora i tragitti delle attuali linee principali – praticamente un doppione - con l’eccezione (per lo scorso biennio) di un test per la frazione di Cinquanta.

Noi, chiedemmo a gran forza al Sindaco di attivarsi - in vista del rinnovo del nuovo accordo fra ATC, Fondazione Carisbo (sponsor), Comuni del territorio - e di porre sul tavolo anche le nostre lamentele e le nostre richieste di poter usufruire in modo più chiaro ed efficacie di questo servizio anche su tratte attualmente non servite, come i collegamenti delle nostre frazioni con il centro cittadino e viceversa, nonché come maggiore vicinanza alla cittadinanza che ha necessità di muoversi, ma per impedimenti vari gli è altamente scomodo, se non spesso improbo, raggiungere la Provinciale a piedi.
La nostra naturale e logica richiesta, sarebbe servita a dimostrare ai cittadini che vivono nelle nostre frazioni, di non essere una specie di "desaparecidos", isolati dal centro e dalla vita del Comune, ma di essere parte integrante di esso.
Pensiamo naturalmente ai nostri anziani e ai nostri ragazzi, che usufruirebbero volentieri di tale servizio. Penso ai nostri commercianti, che potrebbero averne un naturale beneficio, mettendo a disposizione la propria varietà di servizi e prodotti offerti, che molti nostri concittadini non possono usufruirne e devono, loo malgrado, accumulare le spese a una volta per settimana, chiedendo aiuto e spesso disturbando figli, parenti e vicini che li accompagnino in un centro commerciale a fare la spesa.

Risultato? Nel consiglio comunale del primo agosto scorso, è stato promosso dal Sindaco e dalla sua Giunta il rinnovo del contratto "Pronto Bus", che ribadisce il buon servizio (dicono loro) svolto fino ad oggi. Fra l’altro, bisognava credergli sulla parola, visto che nessuno ha avuto la buona creanza di fornire i consiglieri dei resoconti e dati precisi sul lavoro svolto dall’ATC in questi due anni, come avevamo chiesto già la volta precedente.
Ci veniva praticamente chiesto un voto al buio! La nostra Lista "Insieme per San Giorgio" e anche diversi consiglieri di maggioranza, si sono lamentati di non avere ricevuto questi documenti. Inoltre, il Sindaco ha trionfalmente annunciato che siccome i dati del servizio con Cinquanta erano semi disastrosi (chissà gli altri), hanno deciso, sempre in via sperimentale (come per le cavie), di spostare il servizio su Gherghenzano, togliendolo a Cinquanta.

Complimenti, abbiamo detto loro. Complimenti davvero! Nonostante le nostre molte lamentele e i suggerimenti fatti, questa Amministrazione ha deciso al solito come gli è parso. Sia chiaro, siamo lieti per i cittadini di Gherghenzano, ai quali però consigliamo di studiarsi molto bene il servizio.
Siamo dispiaciuti per quelli di Cinquanta, che probabilmente hanno - come loro unica colpa - quella di non aver capito – li comprendiamo - un fico secco del servizio offerto. Siamo però molto indignati per i nostri concittadini di Stiatico, tanto che il nostro consigliere Roberto Mugavero, anch’esso cittadino della stessa frazione, ha definito in Consiglio la frazione: "Figlia di un Comune minore". Il Sindaco ha fatto poi chiaramente capire che si valuterà il "caso Stiatico" al prossimo rinnovo.

Quindi, nella maggioranza, non si è voluto capire (non vi è peggior sordo di chi non vuole ascoltare), che questo servizio andava rivisto, proprio ritagliandolo dove oggi è assente. Parliamo, come sapete, di piccoli mezzi, che si destreggiano benissimo in qualunque frazione.

Che ne dite cittadini di Stiatico?

Un consiglio ci permettiamo però di darvelo. Questa Amministrazione vi ha ancora una volta considerati di seconda o meglio, visto che le frazioni sono tre, di terza classe e rimandati alla prossima occasione, come vi era scritto anni fa su molte gomme da masticare: "Riprova, sarai più fortunato".

Bene, a Primavera 2004, per le nuove elezioni comunali, ripagate l’Ulivo per San Giorgio con la stessa moneta e cambiate - per quelli che avevano dato loro fiducia – il vostro importantissimo voto! Ci raccomandiamo, non scrivete però sulla scheda: "Ritentate, sarete più fortunati", il Vostro voto sarebbe considerato nullo e la nostra Lista "Insieme per san Giorgio" che si è fatta in questi anni una bella gavetta, rischierebbe di non farcela, come invece noi speriamo.

E non lasciatevi abbindolare dal piccolo parco, dai rammendi ai crateri sulle strade, alla nuova prossima rete fognaria. Erano costretti a farle. La rete fognaria poi, gridava quasi vendetta. Hanno lasciato costruire moltissimi nuovi lotti di palazzine e villette, che hanno le cantine e garage a 3/4 metri sotto il filo del terreno, quando la rete fognaria è più alta, con conseguenti – chiedetelo a molti cittadini di Stiatico – allagamenti. Per la nostra Amministrazione, si parte prima dal tetto e non dalle fondamenta per fare le case e i risultati sono tragicamente quelli sotto agli occhi dei cittadini di Stiatico. Coraggio pure!




 Stampa   Segnala

PRO LOCO NEWS
SOMMARIO
CALENDARIO
Casa a Bologna
Tipologia

In vendita
In affitto
Cerca per comune
Cerca per area

Network-ItaliaCasa    EmiliaCasa.Info


1998-2015 ver. 3.8.0
PRIVACY POLICY
LAB.ud.COM s.r.l.