home > > > IL GRANDE GIORNO E' IN ARRIVO
Argomenti
Arte Musica Spettacolo
E-commerce
NewEconomy
TOURS
STORIA
NEWS
Istituzioni
Sport
Attività
No Profit
Offerte Lavoro
COSTUME
MERCATINO
I nostri autori
Inserzionisti
Vai al Sito del
Comune di San Giorgio di Piano


Leggi la
Storia di S.Giorgio


Vita vissuta
nella bassa bolognese


Dona il 5x1000 e
un progetto cresce


Annunci Immobiliari
di vendita e affitto


Prima di comprare
Confronta i prezzi
IL GRANDE GIORNO E' IN ARRIVO
di Argomenti On-Line  10/03/2006


di Fabio Govoni - Segretario DS

Le elezioni politiche del 9 e 10 aprile si avvicinano con velocità impressionante e stanno acquistando sempre più un’importanza straordinaria per il nostro Paese, l’Italia. Ciò che accadrà il 9 e 10 aprile sarà un grande referendum tra coloro che vogliono dare un futuro all’Italia, il Centrosinistra e coloro che aspirano al suo declino, il Centrodestra. La classe dirigente che ci governa ha portato il Paese sull’orlo del baratro dal punto di vista economico-sociale e, soprattutto, dal punto di vista morale. Nella nostra storia democratica non si era mai visto un Parlamento approvare tante e tali leggi a favore di singole persone e di singoli interessi personali. Nella storia democratica del nostro Paese non si era mai visto un Presidente del Consiglio che utilizza come scusa del fallimento della sua politica, il fatto che ha avuto contro l’opposizione, che il 70% delle autonomie locali sono governate dal Centrosinistra e perciò diviene impossibile fare le riforme. Anche perché Comuni, Regioni e Provincie sono stati rinnovati dopo il 2001… se il Centrosinistra ha vinto è forse perchè gli elettori lo hanno ritenuto più affidabile ! In qualsiasi Paese democratico la maggioranza attua la sua politica e l’opposizione espone le sue ragioni; tra l’altro è una falsità sostenere che non si è potuto attuare il programma di governo per colpa dell’opposizione: prima di tutto perché le leggi di cui sopra sono state approvate senza colpo ferire (è bene ricordare che alla Camera la maggioranza aveva 120 seggi in più e al Senato 50) e quando le leggi non sono passate al primo giro, è stato per colpa dei parlamentari della maggioranza. Il secondo motivo, poi, è che se l’opposizione fosse stata così forte e così numerosa, sarebbe stata maggioranza! La tragica verità è che dopo cinque anni di governo del Centrodestra ci troviamo tutti più poveri e più sfiduciati. Siamo più poveri, ma non per colpa dell’Euro. Infatti non è colpa di un semplice cambio monetario se i prezzi sono raddoppiati, semmai è colpa di chi non ha controllato i prezzi, di chi ha abolito la Commissione del Controllo Prezzi, di chi non ha permesso che il doppio prezzo Lira/Euro fosse obbligatoriamente espresso per almeno 2 anni, come negli altri Stati Europei, così da permettere il controllo da parte del consumatore. Siamo più poveri, perché dopo 5 anni il nostro Paese registra una crescita ZERO! I giovani non trovano lavoro, in particolare quelli laureati. Su questo mi vorrei fermare a riflettere un istante. Il sogno di ogni genitore è che la propria figlia o figlio possa studiare, se ne ha voglia, per avere più strumenti per affrontare il Mondo e per avere qualche possibilità professionale ed economica in più. Adesso questo non accade! Chi oggi trova un lavoro semi-certo (la precarietà è dietro l’angolo) sono principalmente coloro che hanno una scolarità bassa, oppure gli immigrati costretti ad emigrare per trovare un lavoro di fortuna e mantenere la propria famiglia. Questa, per noi, è una sconfitta! Uno Stato che si rispetti deve dare a tutti la possibilitàdi studiare, non attraverso scuole di seria A o B come quelle della riforma Moratti, ma attraverso una scuola qualificata e una selezione altrettanto qualificata. Tutti devono avere pari diritti e pari opportunità. Questo governo e questa maggioranza ce le hanno tolte, ci hanno tolto la dignità di essere Italiani, hanno offeso la nostra intelligenza. Non posso dimenticare le reiterate volte in cui ho sentito il Ministro dell’Economia affermare che la crisi economica è colpa delle ferie e dei ponti effettuati dai lavoratori. Queste sono affermazioni offensive, fatte da chi ci crede dei cretini! A tutto questo bisogna reagire, ma non a scatola chiusa! Le ragioni per votare l’ ULIVO e i DS sono tantissime. La prima è che, grazie alla Primarie, abbiamo un solo candidato Presidente del Consiglio riconosciuto da tutta la coalizione: Romano Prodi (gli altri ne hanno tre!). La seconda è che abbiamo un programma concreto elaborato da tutti i partiti della coalizione dell’Unione (gli altri non ce l’anno… dieci striminziti punti non sono un programma!). La terza è il vero spirito unitario che ci ha contraddistinto fino qui, al di là delle polemiche spicciole e del bisogno di visibilità di qualcuno dei nostri compagni di viaggio (gli altri si silurano a vicenda ogni volta che possono). Per essere chiari: sulla scandalosa scheda elettorale di 65 per 23 cm (se ne resta qualcuna ci facciamo una coperta per il prossimo inverno) non si trova il simbolo dell’Unione, ma i simboli di tutti i partiti della nostra coalizione, non per cattivo spirito unitario, ma perché così ci hanno costretti a fare, modificando all’ultimo minuto la legge elettorale. Troverete sul sito dei DS - www.dsonline.it - il documento intero di 281 pagine del programma dell’Unione, oppure anche le sintesi, un programma pensato e sviluppato per ridare impulso e fiducia a questo nostro Paese, per riportare l’Italia al livello degli altri paese europei, per dare nuova speranza ad un Paese deluso da una classe dirigente che ha pensato solo a se stessa e ci ha tolto la dignità di essere cittadini di questo Paese. Il 9 e 10 aprile VOTATE l’ULIVO e i DEMOCRATICI DI SINISTRA! Non vi promettiamo miracoli, vi promettiamo impegno per ridare speranza a tutti noi!


 Stampa   Segnala

PRO LOCO NEWS
SOMMARIO
CALENDARIO
Casa a Bologna
Tipologia

In vendita
In affitto
Cerca per comune
Cerca per area

Network-ItaliaCasa    EmiliaCasa.Info


1998-2015 ver. 3.8.0
PRIVACY POLICY
LAB.ud.COM s.r.l.