home > > > DOCUMENTO PROGRAMMATICO APPROVATO DAI DS DI S. GIORGIO IN OCCASIONE DELLA NOMINA DEL NUOVO SEGRETARIO
Argomenti
Arte Musica Spettacolo
E-commerce
NewEconomy
TOURS
STORIA
NEWS
Istituzioni
Sport
Attività
No Profit
Offerte Lavoro
COSTUME
MERCATINO
I nostri autori
Inserzionisti
Vai al Sito del
Comune di San Giorgio di Piano


Leggi la
Storia di S.Giorgio


Vita vissuta
nella bassa bolognese


Dona il 5x1000 e
un progetto cresce


Annunci Immobiliari
di vendita e affitto


Prima di comprare
Confronta i prezzi
DOCUMENTO PROGRAMMATICO APPROVATO DAI DS DI S. GIORGIO IN OCCASIONE DELLA NOMINA DEL NUOVO SEGRETARIO
di Argomenti On-Line  06/06/2006




In occasione del rinnovo della carica di Segretario dei Democratici di Sinistra di S. Giorgio di Piano, abbiamo ritenuto opportuno condividere alcune linee politico-organizzative che il nostro Partito dovrà darsi nei mesi che ci separano dalle prossime elezioni amministrative del 2009, non dimenticando che tra pochi giorni, il 25 e 26 giugno, ci sarà il Referendum che ci darà l’opportunità di cancellare la pessima riforma costituzionale proposta dal Centrodestra.

Riguardo all’aspetto più strettamente politico riteniamo che tre siano i temi da affrontare:
l’attività politica interna al partito e volta a consolidare la sua base elettorale e di iscritti;
l’attività politica di coalizione volta a continuare e consolidare il positivo rapporto instauratosi con le altre forze del Centrosinistra o Unione di S. Giorgio di Piano; la prospettiva del partito democratico o del partito dell’Ulivo.

Rispetto al primo punto riteniamo che i DS dovranno rivolgere particolare impegno nei confronti dei giovani, che, alle ultime elezioni, in maggioranza hanno dato fiducia ai partiti dell’Unione, in particolare all’Ulivo. Per far ciò pensiamo sia opportuno aprire un ragionamento con i compagni più attivi, dai più giovani ai più anziani, per modificare in modo sostanziale l’approccio che il partito deve avere nel coinvolgere chi si vuole avvicinare ad esso e rendersi disponibile a farne parte. Il nostro obiettivo prioritario deve essere quello di creare le condizioni per formare una nuova classe dirigente, che sappia portare avanti le nostre idee e valori, rendendole compatibili con una società che cambia in modo rapido; sarà quindi importante trovare nuovi spazi sia fisici che politici per proporre iniziative rivolte ai più giovani.
Inoltre sarà importante continuare sul cammino già tracciato riguardo al tema della partecipazione femminile all’attività politica in generale, a quella dei DS in particolare. Il nostro partito deve affrontare in modo concreto i problemi delle donne con un ottica femminile del problema, tenendo conto di un contesto più ampio che investa i problemi generali, dalla politica al lavoro e all’attività sociale.

Rispetto al secondo punto riteniamo che si debba continuare il proficuo lavoro svolto al Tavolo del Centrosinistra, il quale ha contribuito attivamente e in modo propositivo ad orientare, incentivare e supportare l’attività dell’Amministrazione Comunale.
I Comuni sono il tramite diretto dello Stato con la cittadinanza e provvedono ad erogare molti servizi ai cittadini, ma oggi vivono una situazione di difficoltà che il Centrosinistra al Governo dovrà affrontare in modo serio, non ponendo solo vincoli, ma sopratutto creando le condizioni agli enti locali perchè possano dare servizi migliori e maggiori ai propri cittadini.
Riteniamo che il Tavolo del Centrosinistra di S. Giorgio di Piano rappresenti un esempio positivo di collaborazione costante e propositiva tra forze politiche, senza strappi, anche se nel merito delle questioni le opinioni non sono state e non saranno sempre unanimi.
Infine è opportuno affrontare il tema del Partito Democratico o dell’Ulivo che, secondo noi, non dovrà formarsi solo all’insegna dell’unione di due o tre partiti politici, ma dovrà essere un processo di aggregazione che deve partire dal basso, dalle basi dei partiti politici e da tutte quelle pesone che hanno aderito all’Ulivo con il loro voto e che non hanno mai scelto di aderire prima ad un partito. Sarà necessario motivare fortemente a questo progetto tutti coloro che fino ad ora non hanno aderito alle nostre realtà politiche, cosicchè possano a dare un contributo fattivo a questo nuovo soggetto politico.
E’ necessario creare una vera apertura nei confronti della società italiana, che sia in grado di dare una « casa » ad una pluralità di donne e di uomini diversi per condizione lavorativa, religione, condizione sociale ed economica ma che condividono una visione di una società solidale e inclusiva, cioè di un modello di società esattamente opposto a quello che il Centrodestra ci ha proposto nei passati cinque anni. La campagna elettorale ci ha insegnato come i nostri avversari siano riusciti a parlare alla parte più egoista del Paese. Noi dobbiamo essere capaci di parlare a quella più solidale.

Oltre ai temi politici, riteniamo che i DS dovranno rivolgere una particolare attenzione anche all’aspetto organizzativo e del radicamento del Partito sul territorio.
La nostra sezione conta oltre 550 iscritti sul territorio comunale, più di un quarto dei nostri elettori. Il rinnovo del tesseramento per il 2006 ha visto 20 nuove tessere e nessun rifiuto di quelle precedentemente fatte. Riteniamo che questi dati siano estremamente positivi, che ci devono incentivare a continuare con l’impegno finora profuso, sopratutto dai compagni che si occupano attivamente del tesseramento e che ci sentiamo di ringraziare fin da ora.
Sarà importante trovare strumenti adatti a mantenere il radicamento sul territorio e che nel contempo ci diano la possibilità di reperire le risorse necessarie allo svolgimento della nostra attivitàpolitica e di poter anche contribuire a quella del Centrosinistra.

Fino ad oggi abbiamo svolto la Festa de l’Unità a Villa Beatrice di Argelato, assieme ai compagni dei comuni di Argelato e Pieve di Cento. E’ un’esperienza che riteniamo utile proseguire, anche se pensiamo che sarebbe opportuno ricreare le condizioni per fare una festa anche sul territorio comunale, ciò perchè pensiamo che le feste de l’unità siano un importante veicolo d’immagine per il nostro Partito: ne rappresentano la vitalità e il radicamento sul territorio.
Questo vale anche in una prospettiva del Partito democratico o dell’Ulivo, di cui abbiamo già parlato, poichè una forza politica trae il suo slancio dallo stare in mezzo alla gente, creando le condizioni per incontrare i cittadini e avere con loro uno scambio di opinioni.
Abbiamo pensato di mettere all’attenzione sia dell’Assemblea degli iscritti, sia dei cittadini, i punti sopra scritti, proponendoli come spunto di riflessione per l’attività futura dei DS di S. Giorgio di Piano.


 Stampa   Segnala

PRO LOCO NEWS
SOMMARIO
CALENDARIO
Casa a Bologna
Tipologia

In vendita
In affitto
Cerca per comune
Cerca per area

Network-ItaliaCasa    EmiliaCasa.Info


1998-2015 ver. 3.8.0
PRIVACY POLICY
LAB.ud.COM s.r.l.