home > > > META’ MANDATO – L’OPINIONE DEL SINDACO
Argomenti
Arte Musica Spettacolo
E-commerce
NewEconomy
TOURS
STORIA
NEWS
Istituzioni
Sport
Attività
No Profit
Offerte Lavoro
COSTUME
MERCATINO
I nostri autori
Inserzionisti
Vai al Sito del
Comune di San Giorgio di Piano


Leggi la
Storia di S.Giorgio


Vita vissuta
nella bassa bolognese


Dona il 5x1000 e
un progetto cresce


Annunci Immobiliari
di vendita e affitto


Prima di comprare
Confronta i prezzi
META’ MANDATO – L’OPINIONE DEL SINDACO
di Argomenti On-Line  08/12/2006


di Valerio Gualandi - Sindaco di San Giorgio di Piano

Siamo oramai giunti a metà del mandato amministrativo che si concluderà nel 2009 e riteniamo doverso fare un sommario bilancio del periodo trascorso.

Questo bilancio crediamo che debba tenere conto di alcuni fattori importanti: del programma presentato al giudizio degli elettori nel 2004; del contesto nazionale relativo alla finanza pubblica e alle condizioni degli Enti locali; del contesto locale che ci vede attraversare, come Comune, una fase di espansione urbanistica.

Quando abbiamo predisposto il programma di mandato, non ci eravamo fatti troppe illusioni sulla possibilità di vedere attuato un pezzo di federalismo, dove ai Comuni venivano trasferiti nuovi poteri e competenze ma anche una parte della ricchezza prodotta dai territori e che ora preleva lo Stato centrale.

Purtroppo si sono avverate le previsioni più pessimistiche. Ai Comuni è stato chiesto di adempiere a nuovi compiti, di sostituirsi allo Stato e ad altri Enti, ma progressivamente sono state decurate le risorse.

La previsione che quasi certamente avremmo dovuto arrangiarci facendo affidamento esclusivamente sulle nostre risorse, si è avverata, e questo ha creato non poche difficoltà operative e ci costringe a ridimensionare i nostri programmi.

La fase di espansione urbanistica del nostro Comune, poneva e pone la necessità di adeguare quasi tutti i servizi e le infrastrutture. Vedere crescere contestualmente popolazione, attività e servizi è sempre un auspicio da perseguire ma difficile da realizzare, soprattutto per un Comune che non ha sul territorio la presenza di un quantitativo di attitività economiche in grado di garantire, per l’Amministrazione comunale, entrate adeguate e stabili, che permettano di programmare l’uso delle risorse.

In queste condizioni, più che capacità di programmazione, servono capacità di saper sfruttare al meglio ogni opportunità e possibilità di reperire e impiegare tutte le risorse ottenibili dal tereritorio.

Per fare questo, occorre grande flessibilità gestionale ma anche idee chiare sulla direzione di marcia, per evitare di incamminarsi su strade sbagliate o di impantanarsi nel groviglio dei problemi.

Da questo punto di vista, noi crediamo di avere assolto ai nostri doveri in modo adeguato, cercando di dare risposte positive alle esigenze della collettività.

Il nostro impegno si è concentrato in queste direzioni:

- per continuare a fornire servizi adeguati e di qualità, dando priorità ai servizi all’infanzia, alle persone anziane e alle persone in condizioni di svantaggio;

- per completare le opere avviate nel precedente mandato e avviare nuove opere pubbliche necessarie alla collettività;

- per migliorare la cura del territorio e per valorizzare le sue caratteristiche architettoniche, storiche, ambientali, culturali;

- per sostenere e valorizzare il tessuto economico e sociale;

- per progettare il futuro, affinchè il Comune di San Giorgio di Piano possa consolidare e sviluppare la sua vocazione di importante centro della pianura bolognese.

Abbiamo sempre operato cercando il dialogo e il confronto con tutti i cittadini e tutte le istanze presenti nelle istituzioni e nella società.

Certo, anche noi ci misuriamo con sfide grandi e impegnative alle quali però non è possibile rispondere solo a livello locale.

Mi riferisco soprattutto ai problemi del traffico e della viabilità, problemi che oramai interessano tutti i territori e per i quali in campo ci sono tanti progetti che non decollano per mancanza di risorse.

Su questi temi noi cerchiamo di fare tutto il possibile, ma ci rendiamo conto che direttamente non riusciamo ad andare al di là di interventi tesi a mitigare l’impatto del traffico sul territorio.

Questo non vuole dire rinunciare a impegnarsi per ottenere interventi strutturali, ma significa essere consapevoli di fare i conti con problemi di grande portata e che le soluzioni non sono dietro l’angolo.

L’altra metà del mandato amministrativo è già iniziata. La situazione non è di quelle più esaltanti, ma lavoreremo con passione ed energia per cercare di assolvere al meglio ai nostri doveri e dare risposte positive alle esigenze della collettività.





 Stampa   Segnala

PRO LOCO NEWS
SOMMARIO
CALENDARIO
Casa a Bologna
Tipologia

In vendita
In affitto
Cerca per comune
Cerca per area

Network-ItaliaCasa    EmiliaCasa.Info


1998-2015 ver. 3.8.0
PRIVACY POLICY
LAB.ud.COM s.r.l.