home > > > Tracce di Teatro d'Autore 2007
Argomenti
Arte Musica Spettacolo
E-commerce
NewEconomy
TOURS
STORIA
NEWS
Istituzioni
Sport
Attività
No Profit
Offerte Lavoro
COSTUME
MERCATINO
I nostri autori
Inserzionisti
Vai al Sito del
Comune di San Giorgio di Piano


Leggi la
Storia di S.Giorgio


Vita vissuta
nella bassa bolognese


Dona il 5x1000 e
un progetto cresce


Annunci Immobiliari
di vendita e affitto


Prima di comprare
Confronta i prezzi
Tracce di Teatro d'Autore 2007
di COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO  28/02/2007



Domenica 4 marzo 2007 a SAN GIORGIO DI PIANO

 TRACCE
    di TEATRO d'AUTORE


Domenica 4 marzo 2007


SAN GIORGIO DI PIANO


Sala del Consiglio - Via Libertà, 35 - Ingressi: int. 10,00€, ridotti 8,00€
Ore
18:15 e replica alle ore 21:15*
(*in abbonamento alle ore 21:15)
Posti: 60 - Durata: 45’ - Età consigliata: adulti e ragazzi (dai 14 anni)


 


LA COMPAGNIA DELLA FORTEZZA -CARTE BLANCHE – VOLTERRATEATRO


IL LIBRO DELLA VITA


Racconto autobiografico. Assolo per voce e anima


Ideazione Armando Punzo
Da un testo di Mimoun El Baroni, con Mimoun El Barouni
Direzione organizzativa Cinzia De Felice
Segreteria Serena Scali
Regia Armando Punzo


Scrive Armando Punzo: “La ricerca del senso del teatro e di un nuovo linguaggio non può che iniziare quando ci si avventura concretamente in territori umani, culturali ed emotivi ancora sconosciuti, lasciandosi alle spalle ciò che già ci è noto. E’ attraverso una sorta di isolamento di se stessi che è forse possibile far emergere un nuovo senso del teatro. Il carcere è un’isola dentro le nostre città, un’isola dimenticata che non si vuole conoscere, retta da regole che non contemplano l’esistenza di un teatro e tanto meno lo scambio culturale ed umano. Il teatro in carcere è un’utopia realizzata, è un desiderio, è una necessità per ricercare se stessi e una propria identità culturale e personale. Il nostro obiettivo non è rendere più umane le carceri, ma mettere alla prova il teatro in queste condizioni. Per noi, paradossalmente, il carcere può diventare il luogo dove reinventare il teatro e restituirgli la sua necessità. La ricerca consiste nell’eliminare il superfluo, per riscoprire ogni volta, ogni giorno, la funzione originaria del teatro, scoprendo un linguaggio nuovo, che si nutre di fatti concreti della vita. Anche le difficoltà, le resistenze, i pregiudizi possono portare ad ampliare l’obiettivo dalla ricerca puramente formale, per arrivare all’individuo, all’uomo e alle sue motivazioni, all’incontro con l’altro”. Dall’incontro di Punzo con Mimoun El Baroni è nato “Il Libro della Vita”. Mimoun è un attore marocchino della Compagnia della Fortezza che in questo lavoro parla di sé, delle sue origini berbere, della sua famiglia, dell’impegno politico, del rigore intellettuale, di poesia, dell’immigrazione clandestina, del carcere, di teatro. Un racconto autobiografico duro e avvincente, fatto di verità difficili da dire.


Ore 19:45


Sala Mario Trenti - Via Garibaldi, 10
*Ingresso gratuito riservato agli abbonati e prenotati
Posti: 120 - Durata: 60’ - Età consigliata: adulti e ragazzi (dai 14 anni)


 


FILM-DOCUMENTARIO di ANTONIA MORO - Pcm multimedia productions Rome


 


CHANT D’AMOUR


Ma chi me lo avrebbe detto a me che sarei diventato attore.
La vita e il teatro della Compagnia della Fortezza


all’interno del carcere di Volterra



Regia Antonia Moro
Editing Giorgio Mazzoli
Con Armando Punzo (regista), Alessandro Marzetti (scenografo),


Emanuela Dall’Aglio (costumista), Mimoun El Barouni (attore),
con gli attori-detenuti della Compagnia della Fortezza
e con la partecipazione del personale di polizia penitenziaria del carcere di Volterra.
Fotografia Gabriele Polverini, Antonia Moro
Musiche Marco Bagnai
Suono Lorenzo Basco
Assistenti Laura Stelli, Candida Bevilacqua, Francesca Del Guercio.
Amministrazione Desiree Mazzoli, Alessia Giuliani.
Film documentario Italia 2006



Il film è un lavoro di documentazione relativo alla preparazione, allestimento e messa in scena di uno spettacolo della Compagnia della Fortezza di Volterra. Le immagini sono state girate quando al festival VolterraTeatro è stato presentato lo spettacolo intitolato “P.P.Pasolini. Elogio al disimpegno” (2004). Le riprese, avvenute prima, durante e dopo il debutto, hanno documentato fasi delle prove, riflessioni a tavolino, testimonianze di attori, interviste a personale di polizia penitenziaria, al sacerdote, al direttore del carcere, a diversi collaboratori. Partendo dallo spettacolo teatrale come momento espressivo culminante di un lavoro quotidiano svolto all’interno del carcere dai detenuti-attori, il documentario racconta di come l’attività teatrale e artistica abbia modificato positivamente e profondamente la fitta rete di relazioni all’interno della struttura Carcere di Volterra.  


Informazioni e PRENOTAZIONI al 348.80.49.181



 




 Stampa   Segnala

PRO LOCO NEWS
SOMMARIO
CALENDARIO
Casa a Bologna
Tipologia

In vendita
In affitto
Cerca per comune
Cerca per area

Network-ItaliaCasa    EmiliaCasa.Info


1998-2015 ver. 3.8.0
PRIVACY POLICY
LAB.ud.COM s.r.l.