sangiorgiodipiano

36) UNA "RUMBA" SGRADITA
di Santino Zorzino

Finalmente e' finita.

Nel linguaggio di Abelardo e di molti sangiorgesi il termine rumba è sinonimo di frastuono.

E’ quello che hanno subito i visitatori del cimitero nei giorni della sagra di S.Luigi a causa di giostre, autoscontri, ed altri giochi fracassoni installati nel vicino parcheggio.

E’ probabile che la “rumba” non disturbi il sonno eterno, ma sicuramente non allieta chi vorrebbe avere qualche minuto di raccoglimento e si sente triste.

Questo miscuglio di rumori, annunci, botti, musiche a tutto volume sarebbe meglio tenerlo alla larga del cimitero, perchè se esiste un’area di rispetto, è logico presumere che valga non solo per le costruzioni, ma anche per il frastuono.

Almeno come segno di riguardo nei confronti dei morti e dei vivi.

Infine colgo l’occasione per esprimere il mio disaccordo per la collocazione delle spoglie di un valoroso sangiorgese all’ingresso del cimitero. La sua vita spesa a fianco dei lavoratori per gli ideali di giustizia e democrazia avrebbe reso più coerente la sistemazione della tomba nel camposanto, insieme alla gente comune per la quale e con la quale si è tanto battuto.

Fine, ciao.


© 2000-2003 - Questa pagina č esclusiva proprietą di sangiorgiodipiano.net
Vietata la copia e la distribuzione, anche parziale, su qualsiasi supporto senza la previa autorizzazione scritta.